Il Duomo di Thiene

Il Duomo di Thiene


Della Chiesa arcipretale di Thiene, sul luogo ove oggi sorge l'attuale Duomo, dedicato a S. Gaetano e S. Maria Assunta, si hanno notizie certe fin dal 1314.
Ricostruito nel 1625, subì vari interventi a partire dalla fine del 1700 per opera dell'architetto Ottone Calderari.
Dal 1911 iniziarono i lavori di ampliamento, che si protrassero fino al 1932 e che comportarono tra l'altro l'aggiunta di due navate laterali e la cupola, su progetto dell'arch. Pasinati.
All'interno si può ammirare il prezioso soffitto alla ducale contenente 15 tele di pittori veneti, tra i quali spiccano Giulio Carpioni (1611-1674) e G. Battista Pittoni (1687-1767).
La Chiesa del Rosario sorge attigua al Duomo e risale al 1685. Di stile barocco, la costruzione subì notevoli rifacimenti nel corso del XIX secolo.
All'interno conserva numerose decorazioni a stucchi e dipinti dei thienesi Ballante (1657-1729) e Valentino Bassi (sec. XVII).
Interessante la pala dell'altare maggiore, opera di Matteo Grazioli, del 1590, della scuola dei Da Ponte e l'annunciazione che si trova nella navata sinistra, opera della scuola del Maganza (1509-1589).
Ammirevole inoltre l'affresco del '400, con rifacimenti del 1700, raffigurante la "Madonna delle Grazie" e la statua marmorea di S. Giuseppe, opera di Orazio Marinali (1643-1720).